GALLERIA ARTE MARTINELLI

Recent works

Wang Yigang , 2018

ILARIA ARPINO

DSCN0548 2

DANIELE LOCCI

Moai N3

GIOVANNI CONFORTINI

blu sito

PATRIZIA BENVENUTO

Benvenuto sito

GUILLERMO MORFIN

morfin sito

GIUSEPPE AMADIO

web21

BRUNO SABA

Saba sito

RINO SERNAGLIA

SERNAGLIA sito

Lucio Fontana

(1899 - 1968)

 back to the artists

Nato a Rosario de Santa Fe, Argentina, nel 1899, da genitori milanesi, Fontana trascorse la sua infanzia tra i due continenti, prima di stabilirsi nella città natale dei suoi genitori nel 1927. I suoi primi lavori erano in terracotta, ispirati alla pratica del padre come scultore . La pratica dell'artista nella scultura e nella tridimensionalità. La Triennale, la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma, così come la Galerie Jeanne Bucher-Mayor di Parigi. Nel 1940 fuggì dalla guerra in Europa e tornò in Argentina. Lì, nel 1946, Fontana espose i principi per la sua pratica artistica con il primo Manifiesto Blanco, una dichiarazione di poesia neo-futurista. Abbracciare scienza e tecnologia e una nuova dimensione della superficie piatta: lo spazio oltre la tela. Così attraverso il taglio - uno dei gesti più primitivi della storia dell'arte - Fontana liberò l'artista dai confini della superficie piatta della tela. Questi principi hanno innalzato il movimento che ha co-fondato: lo spazialismo. Le opere della fontana create su di esse sono invariabilmente intitolate "Concetto spaziale" (o "Concetto spaziale"). Rientrato a Milano nel 1947, approfondisce ulteriormente la sua ricerca spazialista, facendo buchi nelle tele, come incarnazione di un potenziale infinito. Nei primi anni Sessanta, Fountain, abbracciò completamente il monocromo, ricercando la purezza e la regolarità delle sue opere per superare il caos dell'Arte Informale. Vide le sue opere esposte in diverse importanti mostre come la Biennale di Venezia, sette volte tra il 1948 e il 1968 e in una mostra itinerante realizzata dal MoMA tra il 1966 e il 1968. Dopo la sua morte nel 1968, sono state organizzate molte mostre postume: il Centre Pompidou di Parigi ha realizzato una retrospettiva retrospettiva del lavoro dell'artista nel 1987, e le sue opere sono state presentate alla Italian Metamorphosis Exhibition al Guggenheim di New York nel 1994. Da allora, è diventato uno degli artisti più ricercati al mondo e le sue opere sono ospitate nelle principali collezioni museali come il Centre Pompidou (Parigi), la Tate ( Londra) e il MoMA (New York).

ART Appraisal / SERVIZI ARTE

lente

REPRESENTED ARTISTS / ARCHIVI

IMG 20190320 WA0000

 

masterpiece

PostWAr

Emergent

contemporary

­